Giorno 330 di 365

📘 Il Diario di Gretuzza

Giorno 330 di 365
Roma! Direzione Roma. Siamo sul treno! Io e papà siamo in silenzio! Sta mattina la sveglia è suonata molto presto ieri sera si è andati a letto tardi e la giornata sarà davvero lunghissima!
Vorrei provare a raccontarti del mio lavoro!

Squadra che vince non si cambia 2013

Leonardo aveva 2 anni e mezzo quando in una fredda giornata di febbrai iniziai a lavorare a fianco di papà che aveva appena aperto l’azienda! Come te lo spiego Diario 📘 mi sudavano le mani fumavo compulsiva quella sigaretta che aveva tutto l’odore di essere l’ultima! Una ragazza mi aspettava per insegnarmi tutto! Cos’è tutto?!? Sarei diventata Admin, ma cosa volava dire Admin? Ero una segretaria? “Tu sei l’azienda Greta! Sarai la persona su cui Simone potrà poggiare le mani per non cadere!” Mi sembravano parole così assurde e così pesanti che le lasciai lì nel mio limbo!
Correzione moduli (90 un numero enorme per una sola persona) ed inserimento dati al Pc! Mail! Comunicazioni all’ufficio di Roma! Imprevisti! Inserzioni di lavoro da pubblicare e contattare i candidati per l’indomani nel mentre accoglienza!
Ricordo poco di quel primo giorno, solo che alle 14 piangevo disperata perché alle 15.00 dovevo andare a prendere Leonardo all’asilo ed io ero ancora in alto mare! I giorni a venire furono estenuanti ma non potevo mollare c’era quella frase che mi continuava a rimbombare sempre più forte “Sarai la persona su cui Simone potrà poggiare le mani per non cadere!”
Passarono 3 giorni il 4 la ragazza non si presentò in ufficio!!! Non potete capire il panico! Uscì fuori senza dare spegazioni mangiai un pezzo di focaccia un the al limone sigaretta e ricominciai alle 13 avevo finito di fare tutto alle 13.30 lei arrivò e io sorridevo e parlavo con un colloquio! “Ah ma allora hai già imparato tutto? Sei stata brava e più veloce di quanto credessi!”
Questa persona mi ha insegnato tutto e non smetterò mai di esserle grata! Sono rimasta incinta di Camilla e al 7 mese stavo ancora in ufficio e all’8 Cami arrivò! Ricordo ancora quando in ospedale il secondo giorno dopo il parto chiamai i colloqui perché la ragazza non si era presentata al lavoro!

La mia compagna 2014

Amavo quel che facevo e pareva che i miei figli lo capissero! Non abbiamo mai trovato la persona che potesse realmente sostituire la mia figura!
Il mio lavoro era un costante alternarsi tra formare una persona nuova provare a lasciarla lavorare da sola e rimediare, assumerne un’altra formare provare e rimediare!
Quest’anno Camilla ha iniziato l’asilo e finalmente sono tornata al mio ruolo, ieri a questo meeting è stato un po’ come ufficializzare il tutto.
È un lavoro che non si può spiegare! Un lavoro che da tanto si ma chiede tutto di te! Abbiamo sofferto per questo lavoro ma abbiamo gioito egualmente!
Abbiamo aperto casa nostra a tantissimi e tantissimi se ne sono approfittati ma, il bello ed il brutto coesistono per un motivo e creano l’esperienza quella che serve poi nella vita!
Ora sono quasi 6 gli anni di esperienza ho vito premi e fatto i numeri il mio “bentornata” è stata la carica giusta per far tornare a splendere l’azienda che con fatica e rinunce abbiamo costruito io e Simo!
Diario devi amare quello che fai anche quando arrivi al punto di odiarlo perché tra amore e odio esiste solo una sottilissima linea impercettibile che però fa la netta differenza!!! ❤️

[mc4wp_form id=”1534″]
Lei sempre 2019
Tagged

5 thoughts on “Giorno 330 di 365

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*